Le aziende approdano in rete e creano relazioni in grado di generare valore: l’approccio che funziona? Cambiare il paradigma della comunicazione.

Social network e social media, sempre più spesso le piazze del dibattitto e della condivisione si riversano nella realtà digitale dove gli utenti del web 2.0 interagiscono, si informano ma soprattutto comunicano. Il business entra in questa dimensione dettando nuove regole del marketing in modo così pregnante che aziende e professionisti non possono più fare a meno di possedere una finestra sull’universo digitale.
Le aziende generano valore in rete facendosi conoscere, interagendo con gli utenti e soprattutto allacciando rapporti che nel mondo reale si traducono in una sola parola: mercato.

La rete è un ecosistema all’interno del quale gli utenti creano valore.

Come? Grazie alla creazione e alla condivisione di esperienze nel web per far leva su engagement e partecipazione. I social network permettono alle persone iscritte di condividere opinioni, esperienze, informazioni in maniera semplice e immediata tanto da aver creato un bisogno: quello di essere presenti in rete.

Un’ascesa irriverente: l’esplosione dei social network

Facebook, Twitter, Napster, Linkedin, Snapchat sono le piattaforme social più conosciute e utilizzate nel mondo, che rendono possibile una comunicazione unica, in grado di sorvolare le distanze spazio-temporali e mettere in contatto persone da una parte all’altra del Globo, senza ostacoli né barriere.
Internet ha impiegato quattro anni per arrivare a contare 50 milioni di utenti, Facebook, in nove mesi, ne ha raggiunti 100 milioni. Oggi oltre 500 milioni di utenti usufruiscono del social network più popolare della rete che è anche il secondo sito più visitato dopo Google.
Dalla “paura che parlino male di me” … al “purché ne sia consapevole, sia presente e abbia la possibilità di rispondere e costruire una relazione con l’utente”
Lo stile web 2.0 influenza e determina la vita delle aziende e delle imprese chiamate a condividere contenuti, esperienze, informazioni, a dialogare con gli utenti e mostrare i propri brand sui social network. Questi ultimi influenzano l’immagine, o brand image, e la notorietà, o brand awareness, di una marca e giocano un ruolo chiave nei processi di decisione di acquisto. Essere presente in rete, creare relazioni digitali, diventa per le imprese De-ter-mi-nan-te.

Le tappe

Nel 2006 ha preso piede lo user generated content vale a dire la possibilità che siano gli utenti a creare contenuti nel web.
Nel 2007 in America le aziende hanno iniziato a fare uso dei social network come luoghi dove imprese e professionisti creano la propria comunità di utenti con la quale dialogare.
In meno di un anno, dal 2007 al 2008, hanno preso vita le member communities e da quel momento, fino ad oggi, lo share of time dedicato a community, blog e social media nel mondo è salita in maniera esponenziale.